egypt
AR
belarus
BE
bulgaria
BG
bangladesh
BN
bosnia
BS
spain
CA
czech_republic
CS
germany
DE
greece
EL
usa
EM
great_britain
EN
esperanto
EO
spain
ES
estonia
ET
iran
FA
finnland
FI
france
FR
israel
HE
croatia
HR
hungary
HU
indonesia
ID
italy
IT
japan
JA
georgia
KA
india
KN
south_korea
KO
lithuania
LT
latvia
LV
india
MR
netherlands
NL
norway
NN
india
PA
poland
PL
portugal
PT
brazil
PX
romania
RO
russia
RU
slovakia
SK
serbia
SR
sweden
SV
ukraine
UK
vietnam
VI
china
ZH

I non-vedenti elaborano le lingue in modo più efficiente

Le persone con disabilità visive sentono meglio e riescono a muoversi con maggiore agilità. I non vedenti riescono anche ad elaborare meglio le informazioni linguistiche, secondo diversi studi scientifici condotti in materia. I ricercatori hanno fatto ascoltare alcuni testi ad un campione di individui. Nell’esperimento, la velocità d’eloquio aumentava, ma le persone con disabilità visive riuscivano a comprendere i testi. Le persone senza alcuna disabilità visiva riuscivano a mala pena a capire i testi, perché la velocità era troppo sostenuta. Un altro esperimento ha prodotto risultati simili. Ai vedenti e ai non vedenti venivano fatte ascoltare diverse frasi, una parte delle quali veniva alterata. L’ultima parola veniva sostituita con un’altra priva di significato. Ai partecipanti all’esperimento veniva chiesto di fornire una valutazione di queste frasi e dichiarare se esse avessero o meno un significato. Durante l’esperimento, la loro attività cerebrale veniva monitorata e la frequenza nelle aree della corteccia cerebrale era oggetto di misurazione. In questo modo, veniva rilevata la velocità con cui il cervello elaborava le attività richieste. Nei non vedenti, un determinato segnale risultava molto veloce ed indicava che in quel momento una frase era in corso di valutazione. Nei vedenti, il segnale compariva con netto ritardo. Non è stato rilevato il motivo per il quale i non vedenti riuscivano ad elaborare le informazioni in modo più efficiente. Gli studiosi sostengono la teoria, secondo cui il cervello impiegherebbe intensamente una certa area della corteccia cerebrale. Questa è l’area in cui i vedenti elaborano gli stimoli visivi. Nei non-vedenti, l’area non viene utilizzata per la vista, ma è lì per assolvere “liberamente” altre funzioni. Pertanto, i non-vedenti avrebbero una maggiore capacità di elaborare la lingua …

text before next text

© Copyright Goethe Verlag GmbH 2015. All rights reserved.