egypt
AR
belarus
BE
bulgaria
BG
bangladesh
BN
bosnia
BS
spain
CA
czech_republic
CS
germany
DE
greece
EL
usa
EM
great_britain
EN
esperanto
EO
spain
ES
estonia
ET
iran
FA
finnland
FI
france
FR
israel
HE
croatia
HR
hungary
HU
indonesia
ID
italy
IT
japan
JA
georgia
KA
india
KN
south_korea
KO
lithuania
LT
latvia
LV
india
MR
netherlands
NL
norway
NN
india
PA
poland
PL
portugal
PT
brazil
PX
romania
RO
russia
RU
slovakia
SK
serbia
SR
sweden
SV
ukraine
UK
vietnam
VI
china
ZH

Lingue veloci, lingue lente

Nel mondo si contano più di 6000 lingue. Tutte hanno la stessa funzione: permettere la comunicazione e lo scambio di informazioni. Ogni lingua si organizza, però, in modo diverso, perché ha le sue regole. Anche la velocità d’eloquio è diversa, stando agli studi dei linguisti. Alcuni brevi testi sono stati tradotti in più lingue e letti da parlanti madrelingua. Il risultato è che il giapponese e lo spagnolo sono le lingue parlate più velocemente, con quasi 8 sillabe al secondo. I cinesi parlerebbero più lentamente, con 5 sillabe al secondo. La velocità dipende dalla complessità delle sillabe. Se le sillabe sono difficili, parlare richiederà più tempo. Il tedesco, per esempio, può richiedere tre suoni per ogni sillaba e ciò ridurrebbe la velocità d’eloquio. Parlare velocemente non significa necessariamente comunicare tanto. Al contrario! Le sillabe pronunciate velocemente contengono a volte poche informazioni. Sebbene la velocità d’eloquio in giapponese sia sostenuta, le informazioni convogliate non sono numerose. Il cinese, parlato più lentamente, riesce ad esprimere molte informazioni in poche parole. Anche le sillabe inglesi convogliano tanti significati. E’ interessante osservare, comunque, che le lingue esaminate risultano efficienti, quasi tutte allo stesso modo. Ciò vuol dire che chi parla lentamente, riesce a comunicare tanto, mentre chi parla veloce deve utilizzare più parole. Il risultato è che tutti perseguono l’obiettivo della comunicazione.

text before next text

© Copyright Goethe Verlag GmbH 2015. All rights reserved.