egypt
AR
belarus
BE
bulgaria
BG
bangladesh
BN
bosnia
BS
spain
CA
czech_republic
CS
germany
DE
greece
EL
usa
EM
great_britain
EN
esperanto
EO
spain
ES
estonia
ET
iran
FA
finnland
FI
france
FR
israel
HE
croatia
HR
hungary
HU
indonesia
ID
italy
IT
japan
JA
georgia
KA
india
KN
south_korea
KO
lithuania
LT
latvia
LV
india
MR
netherlands
NL
norway
NN
india
PA
poland
PL
portugal
PT
brazil
PX
romania
RO
russia
RU
slovakia
SK
serbia
SR
sweden
SV
ukraine
UK
vietnam
VI
china
ZH

La lingua e la pubblicità

La pubblicità rappresenta una forma particolare di comunicazione, volta a creare un contatto tra il produttore ed il cliente. Come ogni forma di comunicazione, gode di una lunga storia. Già nell’antichità veniva utilizzata per la politica e per le locande. Il linguaggio della pubblicità impiega diversi elementi della retorica ed ha un obiettivo preciso, essendo una comunicazione pianificata. La pubblicità cerca di attirare la nostra attenzione, di suscitare il nostro interesse e la voglia di avere un prodotto e di comprarlo. Il linguaggio della pubblicità è piuttosto basilare, fa uso di poche parole e semplici slogan. In questo modo, la nostra memoria ricorderà meglio i contenuti. Alcune parti del discorso, come gli aggettivi e i superlativi, ricorrono con maggiore frequenza e mirano a descrivere il prodotto, soffermandosi sui suoi vantaggi. Il linguaggio della pubblicità ha, pertanto, una connotazione assai positiva, risente molto delle influenze culturali e descrive diversi aspetti della società. In alcuni paesi, oggigiorno, dominano concetti come la bellezza e la giovinezza. Anche parole come futuro e sicurezza sono piuttosto frequenti. Nelle società occidentali si utilizza molto la lingua inglese, perché è più moderna ed ha una diffusione internazionale, oltre ad adattarsi meglio alla descrizione di prodotti tecnici. Si ricorre alle lingue romanze per esprimere concetti come il piacere, la passione oppure per pubblicizzare i generi alimentari ed i cosmetici. Il dialetto si utilizza per i concetti come la patria e la tradizione. Spesso i nomi dei prodotti sono dei neologismi, termini introdotti di recente nel vocabolario di una lingua. A volte non hanno un significato, ma risultano molto piacevoli. I nomi di alcuni prodotti possono anche fare successo. Il nome di un aspiratore è diventato perfino un verbo: to hoover.

text before next text

© Copyright Goethe Verlag GmbH 2015. All rights reserved.