egypt
AR
belarus
BE
bulgaria
BG
bangladesh
BN
bosnia
BS
spain
CA
czech_republic
CS
germany
DE
greece
EL
usa
EM
great_britain
EN
esperanto
EO
spain
ES
estonia
ET
iran
FA
finnland
FI
france
FR
israel
HE
croatia
HR
hungary
HU
indonesia
ID
italy
IT
japan
JA
georgia
KA
india
KN
south_korea
KO
lithuania
LT
latvia
LV
india
MR
netherlands
NL
norway
NN
india
PA
poland
PL
portugal
PT
brazil
PX
romania
RO
russia
RU
slovakia
SK
serbia
SR
sweden
SV
ukraine
UK
vietnam
VI
china
ZH

Lingue positive e lingue negative

La maggior parte della gente è ottimista o pessimista. E così è anche per le lingue! Gli studiosi si concentrano sempre di più sul vocabolario dei singoli idiomi, raggiungendo dei risultati sorprendenti. In inglese, per esempio, le parole negative superano quelle positive e sono il doppio rispetto ad altre lingue. Nelle società occidentali il vocabolario ha un’influenza sui parlanti, i quali usano molto spesso espressioni per lamentarsi o criticare. In generale, la lingua che utilizzano ha delle connotazioni negative. Queste parole sono interessanti anche per un altro motivo: contengono maggiori informazioni rispetto alle frasi positive. Il motivo potrebbe ricercarsi nella storia del nostro sviluppo linguistico. Per tutti gli esseri umani, è stato sempre importante riconoscere i pericoli e reagire rapidamente ai rischi. Infatti, in caso di pericolo, gli uomini avvertivano gli altri e, per fare questo, cercavano di trasmettere le informazioni rapidamente. Con il minor numero di parole bisognava dare tante informazioni. Per il resto, le lingue negative non hanno vantaggi reali. E possiamo capire perché. Le persone che esprimono solo concetti pessimistici non sono certo amate. Inoltre, mentre la lingua negativa incide anche sulle nostre emozioni, quella ottimista può avere effetti positivi. Nel lavoro, la gente che formula i pensieri positivamente ha più successo. Bisognerebbe utilizzare la propria lingua in maniera più attenta, decidere quali vocaboli impiegare e dar forma alla realtà in base alla propria lingua. Quindi, parlate positivo!

text before next text

© Copyright Goethe Verlag GmbH 2015. All rights reserved.